🎙COMUNICATO🎙sul caso Diciotti

🎙* COMUNICATO *🎙

“Il Movimento Culturale Ideelibere intende esprimere la propria ferma condanna per la posizione assunta dal governo italiano sulla vicenda delle persone ad oggi ancora illegittimamente bloccate a bordo della nave Diciotti della Guardia Costiera.
Sentiamo il dovere di denunciare che in questa circostanza le scelte del governo si collocano drammaticamente al di fuori della legalità e stanno rappresentando una vergogna per l’Italia, gli italiani e per l’identità valoriale e giuridica che ha sempre contraddistinto il nostro Paese nel mondo.

Continua a leggere . . .

Share Button

“I giovani e l’Europa: riprendiamo i lavori” – Articolo sul nostro nuovo progetto

“L’Europa cerca, a ragione, di darsi una politica e una moneta comune, ma essa ha soprattutto bisogno di un’anima.”
Queste le calzanti parole di un defunto giornalista francese, André Frossard, che magistralmente illustrano l’esemplare intento perseguito dal progetto “#IdeelibereForEurope”, promosso dal Movimento Culturale Ideelibere.
Continua a leggere . . .

Share Button

I NOSTRI PRIMI CINQUE ANNI

23 Novembre 2012 – 23 Novembre 2017

Veniamo da un territorio brutalmente violentato, dove lo Stato perde ogni giorno dimentico del Diritto e di ciò che rappresenta. Abbiamo visto e vissuto città e quartieri lasciati soli al degrado, in cui prolifera indisturbata ogni forma di illegalità, feroce e plateale quanto ben vestita e nascosta.
Un posto che nonostante tutto custodisce incredibili bellezze, tante idee e una grande energia, soffocate però dalla morsa dell’immobilismo e dalla malversazione, dal cinismo sconsiderato di chi ha rubato a questa terra ogni cosa: speranze, passione, entusiasmo. . .

Cinque anni fa abbiamo scelto di non rassegnarci all’orrore che ci circondava, abbiamo scelto da uomini liberi di immaginare un futuro diverso per questo Paese, per le nostre comunitĂ , per i territori abbandonati da cui provenivamo.
Non ci siamo accontentati dello sdegno o della sterile lamentela gridata con pressappochismo; abbiamo deciso di ricominciare dalla formazione, dal confronto e da proposte concrete di cambiamento, smantellando la retorica alimentata da impreparazione e superficialità, coinvolgendo i cittadini in una Rivoluzione Culturale ancor prima che Politica. 

Continua a leggere . . .

Share Button

25 Aprile, Resistenza – Comunicato

Quanto fascismo si cela negli insulti, nel linguaggio barbaro e arrogante diventato regola quotidiana di comunicazione politica.
Quanto fascismo si nasconde nei salotti buoni, dove si predica tolleranza elogiando la democrazia per poi chiudere brutalmente a qualsiasi forma di confronto ed emarginando chiunque la pensi diversamente.
Quanto fascismo c’è ancora nelle strade, nelle scuole, negli uffici, nella vita quotidiana, costantemente rinforzato da disinformazione e ignoranza cavalcante, da stereotipi assurti a canone, dall’odio come strumento di formazione del consenso.

Continua a leggere . . .

Share Button

#IdeelibereForEUROPE – Roma, 25 marzo

IdeelibereForEuropeSiamo felici di comunicare che il Movimento Culturale Ideelibere è partner ufficiale dell’iniziativa internazionale #MarchForEurope2017, che si terrĂ  nella cittĂ  capitolina il 25 Marzo in concomitanza del Consiglio Europeo straordinario riunito in occasione dei 60 anni dei Trattati di Roma.
Continua a leggere . . .

Share Button

La visita di Obama a Cuba: inizio di un nuovo capitolo?

Che il disgelo tra gli Stati Uniti e Cuba fosse nell’aria si avvertiva già da dicembre 2014, quando il presidente Barack Obama aveva annunciato la volontà di porre fine all’embargo nei confronti dell’isola caraibica che si protrae dalla rivoluzione castrista terminata nel 1959 (anche se solo il Congresso potrà votare a favore di questa rimozione).
Continua a leggere . . .

Share Button

“Joint Action Plan”: l’accordo UE-Turchia che svende l’identitĂ  europea

Da qualche settimana, precisamente il 18 Marzo 2016, è stato siglato un accordo tra Unione Europea e Turchia circa la gestione degli immigrati. E’ ormai noto che la rotta Balcanica sia diventata la strada prediletta di siriani e non per raggiungere l’Europa passando per Turchia, Grecia, Macedonia, Serbia, Ungheria ed Austria, ma la situazione è degenerata da tempo. Troppe le vittime di naufragi a causa delle condizioni climatiche avverse o del pessimo stato delle barche utilizzate per la traversata. Una fuga, a cinque anni dall’inizio del conflitto siriano, che non conosce crisi e che non è piĂą tollerabile.
Continua a leggere . . .

Share Button

L’Egitto a 5 anni dalla Primavera Araba. Qualcosa è cambiato?

Sono da poco trascorsi 5 anni dall’inizio della Primavera Araba, quella ventata di rivoluzione che ha attraversato tutto il Nord-Africa e parte della penisola arabica, che puntava ad instaurare nuove democrazie lì dove per decenni i Ra’is avevano tenuto in scacco intere popolazioni. Ma cosa è cambiato davvero in questo arco di tempo? Tutti i buoni propositi sembrano essere crollati di fronte ad una tradizione politica e culturale che si dichiara nemica della democrazia. Ma facciamo un passo indietro per vedere come tutto ha avuto inizio.
Continua a leggere . . .

Share Button

INCONTRO storico tra Papa Francesco e il Patriarca Kirill

Storico abbraccio tra Papa Francesco e il Patriarca Kirill

Storico abbraccio tra Papa Francesco e il Patriarca Kirill

Venerdì 12 febbraio 2016 sarĂ  senz’altro ricordata come una data importante per la Chiesa: a L’Avana, la capitale di Cuba, è infatti avvenuto l’incontro  storico tra Papa Francesco e il Patriarca della chiesa ortodossa russa Kirill.
Per capire l’importanza di questo incontro bisogna in ogni caso tornare al 1054, l’anno del Grande Scisma d’Oriente.
Continua a leggere . . .

Share Button

Iran ed Occidente: l’accordo sul nucleare che unisce due “mondi”

Finalmente l’Iran è tornato ad affacciarsi al mondo dopo decenni di chiusura e di sanzioni che hanno minato pesantemente la sua economia. Poco meno di un anno fa, a Losanna, si è raggiunta un’intesa preliminare, seguita il 14 Luglio 2015 dall’accordo vero e proprio, il JCPOA (Joint Comprehensive Plan of Action), che sta cambiando positivamente il rapporto tra la Repubblica Islamica e l’Occidente, primi fra tutti gli Stati Uniti di Barack Obama, forti sostenitori del riavvicinamento.
Continua a leggere . . .

Share Button