🎙COMUNICATO🎙sul caso Diciotti

🎙* COMUNICATO *🎙

“Il Movimento Culturale Ideelibere intende esprimere la propria ferma condanna per la posizione assunta dal governo italiano sulla vicenda delle persone ad oggi ancora illegittimamente bloccate a bordo della nave Diciotti della Guardia Costiera.
Sentiamo il dovere di denunciare che in questa circostanza le scelte del governo si collocano drammaticamente al di fuori della legalità e stanno rappresentando una vergogna per l’Italia, gli italiani e per l’identità valoriale e giuridica che ha sempre contraddistinto il nostro Paese nel mondo.

Continua a leggere . . .

Share Button

Madrid-Barcellona, dal Referendum per l’indipendenza al ruolo dell’Europa – EDITORIALE

(Editoriale pubblicato anche sull’edizione nazionale del Corriere Quotidiano)

Tante sono le immagini emblematiche del Referendum per l’indipendenza della Catalogna, ma forse una più di tutte rende le dimensioni di una crisi che poteva e doveva essere gestita in maniera differente: quella dei Mossos, il corpo di polizia regionale che sceglie deliberatamente di disobbedire agli ordini di bloccare le operazioni di voto. È una decisione drastica che segna uno spartiacque importante per gli eventi che stiamo analizzando. Dalla ribellione della polizia catalana, infatti, la situazione appare quasi irreversibile, la percezione stessa dell’autorità dello Stato spagnolo risulta compromessa e il principio di legalità sembra passare in secondo piano rispetto a valutazioni ideologiche (fatto impressionante se si contestualizza in una democrazia europea del ventunesimo secolo).

Continua a leggere . . .

Share Button

#IdeelibereForEurope

Siamo felici di comunicare che abbiamo aderito – con convinzione ed entusiasmo – all’iniziativa internazionale #MarchForEurope2017 (qui l’evento) che si terrà nella città capitolina il 25 Marzo, in concomitanza del Consiglio Europeo straordinario riunito in occasione dei 60 anni del #TrattatoDiRoma.

Oggi l’#Europa è in pericolo: le spinte disgregatrici dei #populismi sono più che mai forti e l’incapacità dell’Unione di affrontare con decisione le tante#crisi che non solo il contesto internazionale pone, non fa che rievocare preoccupanti istinti nazionalistici. Eppure il 2017 è un anno chiave e abbiamo ancora la possibilità di fermare la lenta deriva che ad oggiindebolisce tanto le Istituzioni europee quanto gli Stati membri.
Per vincere le tante sfide che ci attendono – come singoli e come comunità – urge a nostro avviso rilanciare il processo d’integrazione, per costruire un’Europa più unita, democratica e vicina alle sue tante e diverse realtà. Occorre riprendere gli spunti che hanno portato al #TrattatoDiLisbona, rielaborali con coraggio e lungimiranza, perchè un futuro di #democrazia,#diritti,#pace e #stabilità è possibile solo restando insieme.

Noi come voi siamo #CittadiniEuropei, e sentiamo il dovere di dare forma e anima a un’identità che semplicemente rafforza, senza cambiare, ciò che già siamo. Per questa ragione il 25 Marzo parteciperemo a Roma ai tavoli di discussione sul #futuro dell’Unione, porteremo le nostre idee e il nostro contributo, e ci uniremo al corteo finale per ricordare ai capi di Stato e di Governo il pensiero della nostra generazione, quello che dovrebbero sempre tenere a mente guardando al “domani”.

VUOI UNIRTI A NOI?
Stiamo organizzando un bus, partenza da #Napoli e #Afragola.
Scrivici qui oppure a movimento.ideelibere@gmail.com
#Ricominciamodaqui #IdeelibereForEUROPE
Il nostro evento FB (clicca qui)

Per ulteriori info visita il sito ufficiale dell’iniziativa:
http://www.marchforeurope2017.eu/

Share Button

La nostra risposta all’EMERGENZA MALTEMPO

Questo è il documento che abbiamo protocollato oggi al Comune di Afragola. Sottolineiamo, con amarezza, di essere gli UNICI che si sono interessati ad una questione letteralmente vitale per la  sicurezza dei cittadini. Vi aggiorneremo sugli sviluppi della vicenda.

Continua a leggere . . .

Share Button

La crisi si arrende all’Italian Style

Il turismo è uno dei settori che da sempre contribuisce alla crescita economica italiana e che vanta una lunghissima tradizione . Già nell’antichità i romani lasciarono traccia nei resti di numerose ville, come Villa Adriana a Tivoli, quella di Tiberio a Capri e molte altre. Nel XVIII l’Italia diventa una delle principali mete del Gran Tour, viaggio ritenuto indispensabile per il completamento dell’istruzione dei giovani aristocratici, grazie all’enorme patrimonio archeologico, artistico e paesaggistico. Con la rivoluzione industriale e col secondo dopoguerra, il turismo non rimane appannaggio dei più abbienti, ma si sviluppa un vero e proprio “turismo di massa” con le coste italiane sempre più piene.
Continua a leggere . . .

Share Button