Cuma tra storia e mito – #IdeelibereEXPLORE

Il nostro viaggio tra le bellezze della Campania parte da Cuma, la prima colonia greca di tutto il Mediterraneo occidentale.
Un luogo magico, dove il mito si intreccia a grandiose testimonianze archeologiche. Qui si custodisce un frammento prezioso della storia e dell’identità del nostro territorio.

Accompagnati da guide esperte e abilitate, visiteremo il grande Parco Archeologico:
– l’acropoli, che racchiude il famoso “Antro della Sibilla” alle pendici della collina;
– la Torre Bizantina con il Belvedere;
– la Terrazza Inferiore, tradizionalmente denominata Tempio di Apollo, e la Terrazza Superiore sulla sommità del Monte di Cuma, denominata Tempio di Giove.

Un’esperienza unica tra storia antica e il racconto dei miti, davvero da non perdere!

⏰APPUNTAMENTO: sabato 26 settembre alle ore 9.45 nei pressi della biglietteria del Parco archeologico di Cuma.
Inizio visita: ore 10.00
Durata visita: circa 2 ore e 30 minuti.

💰TARIFFE:
– INTERO 12 €
– RIDOTTO 10 €
(Il ridotto è per cittadini dell’UE di età compresa tra i 18 e i 25 anni)

Il costo INCLUDE già il biglietto di ingresso e la visita guidata.

☎️A seguito delle disposizioni anti-Covid è OBBLIGATORIA LA PRENOTAZIONE.
I POSTI SONO LIMITATI!
Prenotarsi è semplicissimo, basta inviare un’email al nostro indirizzo movimento.ideelibere@gmail.com indicando nomi, numero di persone e un recapito telefonico. Sarete contattati a conferma dell’avvenuta prenotazione.

📌Per la visita si consiglia di indossare scarpe comode, cappellino e portare una bottiglia d’acqua

NORMATIVA ANTI COVID
🔴OBBLIGATORIA MASCHERINA
🔴UTILIZZO GEL SANIFICANTE MANI
🔴 DISTANZA SUPERIORE AD 1 METRO
🔴GRUPPO A NUMERO CHIUSO

📌Come raggiungere il Parco archeologico di Cuma:
Da Napoli (autostrade):
Imboccare Tangenziale di Napoli verso Pozzuoli. Uscita n. 13 Cuma. Seguire la statale e svoltare al primo incrocio a sinistra. Proseguire dritto e proseguire passando sotto l’Arco Felice Vecchio. Al primo incrocio, girare a destra proseguire e svoltare alla prima traversa a sinistra. Parcheggio adiacente non custodito per autovetture e autobus.

da Roma a Napoli – via Domiziana:
Proseguire per Baia Domizia, Mondragone, Castel Volturno. Poi percorrere la strada a scorrimento veloce variante SS. n° 7 Quater che immette sulla Tangenziale di Napoli (Uscita Lago d’Averno), oppure percorrere la via Domiziana (SS. n° 7 Quater). Seguire indicazioni per Cuma.Proseguire dritto e proseguire passando sotto l’Arco Felice Vecchio. Al primo incrocio, girare a destra proseguire e svoltare alla prima traversa a sinistra.

💡🌍 Il progetto #IdeelibereEXPLORE del Movimento Culturale Ideelibere parte dalle bellezze del nostro territorio con l’obiettivo di promuoverle e tutelarle. Organizziamo visite guidate, incontri di studio e approfondimento per conoscere a fondo l’inestimabile patrimonio culturale e naturalistico che custodiamo.

Share Button

Riunione dei gruppi di lavoro

  • Relazione del gruppo di lavoro “Osservatorio sulle periferie”.
  • Relazione del gruppo di lavoro “IdeelibereFor2030”

Seguirà question time e confronto.

Share Button

La colpa è anche nostra – EDITORIALE

Napoli, borgo S.Antonio.
Il video che riprende una banda di giovanissimi armati di petardi e sassi, mentre con spregiudicata violenza assalta – letteralmente –  gli agenti della Polizia di Stato intervenuti per impedire l’accensione dei cosiddetti “fuocarazzi”, è la drammatica rappresentazione di un problema terribilmente più profondo e annoso di quanto i commentatori d’ultima ora lasciano trasparire.
Dinanzi a queste sconfinate dimostrazioni di inciviltà urge uno sforzo ulteriore rispetto alla legittima condanna. Perchè se un gruppo di ragazzini, alcuni addirittura con meno di 14 anni, si comporta con tale sprezzo delle regole e delle Istituzioni, è chiaro che la soluzione non può essere riducibile alla sola invocazione di pene più severe.
Del resto un approccio esclusivamente sanzionatorio – che neanche si interroghi sulle complesse cause di un comportamento tanto feroce – non arriva neanche a scalfire un mostro ben più grande di quello che evidentemente si vuole accettare.
Ecco perché non possiamo assolutamente permetterci l’ingenuità di non contestualizzare l’episodio.  Continua a leggere . . .

Share Button

#IdeelibereForEurope🇪🇺 – “Idee e proposte per l’Europa del futuro: come rilanciare il processo d’integrazione europea”

PER REGISTRARSI COMPILA QUI (la partecipazione è libera con registrazione obbligatoria) ➡https://goo.gl/forms/Mke6kfGFzZjh2ABl2

L’Europa Unita è la più grande opportunità della nostra generazione: una comunità unica al mondo di diritti, democrazia e di storiche conquiste civili.
Un sogno, nato negli anni bui del secolo scorso, che oggi appartiene così tanto al nostro vivere quotidiano da correre persino il rischio di essere dato per scontato. Un errore che non possiamo e dobbiamo permettere!
Il progetto europeo, per quanto accaduto negli ultimi anni (vedi Brexit), ha perso la sua dimensione di implicita irreversibilità, rivelandosi forse troppo precario – e sicuramente limitato – per affrontare le sfide epocali richieste dal momento storico di grandi trasformazioni che stiamo attraversando.
Serve dunque un rinnovato e appassionato impegno creativo, per immaginare e costruire l’Unione Europea del prossimo futuro!
È questo il nostro obiettivo, ecco perchè crediamo sia fondamentale coinvolgere in un dialogo critico tutti i cittadini, le imprese, le associazioni, il mondo accademico e istituzionale: per confrontarci insieme su come rilanciare il processo d’integrazione europea.
Vi aspettiamo venerdì 15.03.2019, a Napoli!
#Ricominciamodaqui 💡

Share Button

Al di là delle bombe di camorra

Qualche anno fa, in uno dei nostri progetti nelle periferie dell’area Nord di Napoli, chiesi ai bambini di una quarta elementare di spiegarmi il significato che per loro aveva il termine “diritto”. Non mi aspettavo certo una definizione accademica, ero più che altro preparato a raccogliere esempi per approfondirli insieme durante la lezione. Rimasi invece molto colpito quando uno degli alunni, alla parola “diritto”, reagì mimando il gesto delle manette. Ricordo ancora l’espressione che aveva: seria, quasi torva. Appresi più tardi che la sua distorta visione del tema era la risultante di una serie di problemi giudiziari riguardanti alcuni suoi familiari. I bambini dopotutto sono come spugne: quello che vedono, ascoltano, vivono, inevitabilmente lo assimilano.

Parto da qui allora: da uno studente di quasi nove anni nato e cresciuto in periferia, in uno dei più difficili rioni della mia città, Afragola, oggi nota per essere al pari di un territorio di guerra, con otto attentati esplosivi di matrice camorristica registrati in appena venti giorni.

Continua a leggere . . .

Share Button

#ScuoleSicure: UN’ALTRA NOSTRA VITTORIA

CE L’ABBIAMO FATTA

Qualche giorno fa in un incontro pubblico da noi organizzato, abbiamo presentato al Presidente del Consiglio Comunale di Afragola e all’Assessore alla Pubblica Istruzione la battaglia #ScuoleSicure che da circa due mesi stiamo portando avanti nell’area Nord di Napoli raccogliendo un consenso letteralmente senza precedenti.
Ebbene, SIAMO ORGOGLIOSI di comunicarvi che viste le firme raccolte e il lavoro fatto, impossibile da ignorare, i rappresentanti delle Istituzioni hanno pubblicamente preso l’impegno di convocare – come da noi richiesto – una seduta aperta del Consiglio Comunale entro il mese di Febbraio, per discutere approfonditamente del tema “Edilizia Scolastica” e prendere così provvedimenti in merito. MAI prima di oggi un’Organizzazione indipendente come la nostra, senza referenti all’interno dell’amministrazione, era riuscita ad ottenere la convocazione di un’adunanza cittadina su una materia così tecnica e complessa. Ora la palla passa all’Amministrazione comunale, noi interverremo nel Consiglio in questione e presenteremo le nostre proposte, ma saranno poi loro – in virtù del ruolo che ricoprono – a doversi assumere impegni seri e chiari. Vigileremo sul rispetto di quanto è stato detto e festeggeremo solo quando gli edifici scolastici saranno perfettamente sicuri e praticabili.
Oggi però è un gran giorno, abbiamo in poche settimane ottenuto tutto ciò che chiedevamo e per la prima volta dopo decenni l’obiettivo è vicino.
GRAZIE a tutti voi che ci avete dato fiducia partecipando alla nostra raccolta firme, con il vostro supporto abbiamo dimostrato che INSIEME possiamo costruire un futuro migliore per questo territorio!

Continua a leggere . . .

Share Button

#ScuoleSicure – Servizio TV sulla nostra battaglia

Nei giorni scorsi, su OttoChannel, canale 696 del digitale terrestre, è andato in onda questo servizio sulla battaglia #ScuoleSicure che stiamo conducendo nell’area Nord di Napoli. Le riprese sono state realizzate durante una giornata da noi dedicata alla campagna di sensibilizzazione e Raccolta Firme che, con enorme successo, abbiamo organizzato per dare ulteriore forza alle nostre istanze.
Come spiega il Presidente durante il servizio in un breve intervento iniziale, siamo ormai pronti a richiedere all’amministrazione di Afragola – (città da cui è partita l’iniziativa)- la convocazione di un Consiglio Comunale monotematico in seduta aperta, la sola sede che a nostro avviso ci consentirebbe di spingere gli organi competenti ad affrontare con serietà e decisione l’emergenza edilizia scolastica, ad oggi de facto esclusa (vergognosamente) dalle priorità della classe politica locale.
Forti del sostegno di migliaia di famiglie intendiamo quindi procedere con ancor più determinazione in questa battaglia decisiva per la tutela dei diritti di studenti, docenti e operatori.

Share Button

Le nostre scuole sono sicure? – Intervista di “Nuova Città” al Presidente Salvatore Salzano

scuole-intervista-1 Continua a leggere . . .

Share Button

#ScuoleSicure – Video

In Italia 6 scuole su 10 non sono in possesso del certificato di agibilità.
Dobbiamo forse scegliere tra il diritto allo studio e il diritto a vivere l’anno scolastico in locali sicuri e praticabili? Questa non è una situazione da paese civile.
Nei giorni scorsi, durante la nostra prima campagna di sensibilizzazione, moltissimi genitori, docenti e operatori scolastici ci hanno con convinzione manifestato il loro sostegno. Forti di tanti incoraggiamenti abbiamo deciso di lanciare una Raccolta Firme su vasta scala. Sono mesi che nonostante l’importanza della questione non riceviamo risposte dalle amministrazioni comunali coinvolte, crediamo dunque sia giunto il momento di aumentare la nostra pressione. Cominceremo subito e non ci fermeremo fino a quando non avremo ricevuto precise rassicurazioni.
Con i diritti non si scherza, è ora che chi di dovere inizi a ricordarselo!

#ScuoleSicure #Ricominciamodaqui

Share Button

Emergenza ambientale Cantariello – INTERVISTA di Radio Antenna Uno al Presidente SALVATORE SALZANO

“Mi sono assunto la responsabilità di dire pubblicamente che chi continua a sottovalutare questa drammatica situazione, o a negare che al Cantariello ci sia un’ Emergenza Ambientale, compie un ATTO CRIMINALE”.

Qui potete ascoltare l’intervista di Radio Antenna Uno al Presidente Salvatore Salzano andata in onda giovedì 11 maggio. Sappiamo che in queste ore stanno finalmente iniziando le operazioni di rimozione dei rifiuti, tuttavia – pur ritenendo questo inizio un indiscutibile successo che premia l’enorme impegno che abbiamo finora profuso – intendiamo ribadire che la nostra battaglia non si fermerà fino a quando non sarà COMPLETAMENTE vinta, vale a dire fino al ripristino di uno status di diritto consono a un Paese che si definisce civile.
Ci aspettiamo dunque che le Istituzioni rispondano alla nostra istanza e mettano in campo tutte le misure necessarie per evitare che già tra una settimana si ripiombi in una situazione emergenziale.
Non staremo a guardare e non resteremo in silenzio dinanzi alle illegalità che si perpetuano ormai impunemente da oltre dieci anni. 
La nostra battaglia di diritto e di civiltà continua!

Share Button